Un circuito dall’Argentina al Chile.

Un nuovo circuito proposto binazionale andare due parchi naturali in Patagonia di Argentina e Cile. Steppa, gli altipiani e rock dipinti di Santa Cruz alle valli boscose, fiumi e laghi della regione di Aysen.

Siamo arrivati a trovare un nuovo percorso proposto da questo Patagonia immensa come ricca di paesaggi, storie, contrasti: la nuova via di Patagonia Park, un circuito binazionale che unisce due parchi, uno in Argentina e uno in Cile.
Su questo lato della Cordigliera, il più giovane dei parchi argentini: Parco Nazionale Patagonia, creato nel 2015 per proteggere più di 50.000 ettari nella parte superiore del pianoro del lago di Buenos Aires. L’altra, una riserva con lo stesso nome -Patagonia- e oggi è privato, ma spera di diventare un nuovo parco nazionale cileno. Entrambi iniziativa TLC della fondazione creata dall’imprenditore Douglas Tompkins, che si innamorò con la regione, mentre ha lasciato la sua vita qui e qui sepolto.
Partiamo dal mare a ovest, aprendo la strada nella steppa lungo Strada Provinciale 26. I rulli colline, l’altopiano arido, pozzi di petrolio Pampa del Castillo, l’oasi di Sarmiento, il percorso sta scalando verso le montagne. La nostra destinazione è la città di Perito Moreno, nel nord-ovest della provincia di Santa Cruz, 398 km da Comodoro, 450 Puerto Deseado 625 El Calafate. profonda Patagonia.

Prima tappa: L’Ascensione, un tipico Estancia Patagonia che, come molti altri qui, ha lasciato le pecore e si voltò verso il turismo. Per spostare, vedere e godere: un bellissimo centro storico, una classe in cui i figli di operai e dirigenti hanno studiato la matera-circolare, con la stufa a medio e impeccabile capannone tosatura, con il peso del ultimo lavoro appeso tetto. Tutte le rive del grande lago Buenos Aires, al di là della linea immaginaria che divide i paesi si chiama Gral. Carrera.

Le mani sul Cañadón

Le lumache Ford, canyon rossastro, con il bianco terreno salino e beccare mallín dove fenicotteri rosa, è solo un grande anticipo. Pochi minuti dopo abbiamo guardato spettacolare canyon del fiume Pinturas, una fossa impressionante 300 metri di profondità nel arido altopiano in fondo alla quale gli zig-zag fiume piantati salici e sempreverdi pascoli. Il paesaggio colpisce per la sua bellezza, ma qualcos’altro … una sorta di rumore di fondo, “qualcosa” che genera una sorta di strana inquietudine, e quello che mi rendo conto più avanti: questa preoccupazione, ho capito, proviene da la sensazione di essere stato “sbirciando” ad un mondo primitivo, un mondo che ancora non si è raffreddato, in cui l’uomo non ha ancora messo piede. Questo inquietante e affascinante al tempo stesso sentirsi come gli esploratori di un viaggio nel passato. Nella valle ci sono molte mucche, ma l’idea che ogni volta che un velociraptor o di un enorme Milodón possono apparire trascinando il suo corpo pesante non suona inverosimile.
Ma è stato soprattutto l’uomo che ha lasciato i suoi vecchi impronte qui. Tra le decine di dipinti di mani, guanachi, frecce e cacciatori che decorano la Grotta delle Mani, la più antica che sono datati a circa 9300 anni. Non si sa esattamente chi ha fatto loro del -antepasados Tehuelches è la teoria più accettata, ma può valere IT–e ammirare. Rock ha preso un po ‘di colore, macinato e miscelato con acqua o nelle urine, un osso piena di liquido, posero la mano aperta sul muro e fatto saltare in aria su di esso: un negativo perfetto.
Ci sono adulti e bambini, in diversi colori, e curiosità come ad esempio una mano o le dita 6 animali e insetti che non sanno bene quello che sono, oltre a scene di caccia ammirevoli. “I dipinti più recenti sono datati circa 3.500 anni”, dice la guida Natalia Morrone, e la bellezza di quest’arte primitiva è completato perfettamente con la bellezza del paesaggio sotto il sole della sera dorata. Resta Los Toldos, a cui appartengono queste terre è stato anche recentemente acquisiti dalla fondazione TLC per garantirne la conservazione.

Quando andiamo pa Chile

Green Valley
Con l’obiettivo di creare il Parco Nazionale Patagonia, Patagonia Conservation Foundation ha acquisito in questa valle oltre 70.000 ettari di cui, per decenni, era una camera enorme in cui migliaia di pecore pascolo eccessivo causato ingenti danni ambientali. Dal momento che l’acquisizione, la fondazione ha implementato un piano di ristrutturazione prati e smontato più di 600 km di scherma per permettere la libera circolazione degli animali selvatici, soprattutto i guanachi e Huemul prezioso, in via di estinzione. Abbiamo spiegato la guida locale, Sergio, mentre si guarda un video in super confortevole soggiorno della loggia, con grandi finestre che sembrano entrare nella montagna.

La Carretera Austral
Sono più sorprese lungo questo round. Come la bellezza di Puerto Guadal, con le sue case in legno e colori; l’impressionante canyon del fiume Las Dunas, che si affaccia la casa di Leonardo San Martin Aviles, che ci guida in una passeggiata per vedere decine di fossili incorporati nella pietra e cascata racconto; o che a lungo punto di vista naturale sulla rotta snoda 265 si trasforma quando la sporgenza sulle rive del lago General Carrera, il tranquillo benvenuto Chile Chico, con la sua Piazza del Viento e il suo litorale. Improvvisamente, come per magia, si trasforma la steppa, il cielo schiarisce, il vento che soffia di nuovo. Bentornato.

Indietro al lago
A pochi metri, al confine di nuovo, e un paio di metri, gli antichi, un’oasi verde sulle rive del lago, con filari di pioppi che proteggono le aziende agricole di mele, fragole, ribes e soprattutto le ciliegie, la stella del luogo: ogni anno qui è la Cherry Festival nazionale. Per inciso, si noti e il libro: il prossimo sarà dal 13 al 15 gennaio.
Con il pieno indietro, l’anima fa qualcosa di simile: è pieno di paesaggi, profumi, infiniti cieli. Impressionante tutto vede, ma c’è di più. Grotte sono le mani del Cile Sì, c’è anche questo lato, vicino Cile Chico-, è più della Carretera Austral, sono surreali Marmo Cappelle -extraordinarias caverne che arriva la navigazione in lago- . Molto resta ancora da vedere. Abbiamo guardato e sappiamo cosa stiamo pensando, ma non dire: Ci torneremo!

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Comments are closed.